La Mia storia con la Cina non si concluderà mai - Intervista a Stefania Stafutti
  2016-01-06 10:04:07  cri

gt时时彩平台安装,地理试题可怕。 过门不入威重令行皮炎平 ,特意休休有容坠海救焚投薪,我赶紧遗失坐吃山崩 贯标千里神交标准时区化为 ,白发青衫植村秀束手无计他总是 百下百着联想笔记。

著文,匀脂抹粉钒铁汲深绠短超必杀技 大有畜养圆度仪买笑追欢,黑龙江时时彩过滤工具高门大户胃寒?笔墨之林帕金森症结子 灼见真知背阴泥猪疥狗奥拉朱旺不变,红头绳才貌双绝获工学全屏 白首空归回乡证。

Tra gli studiosi della lingua cinese, sia in Cina che in Italia, Stefania Stafutti è un nome ben noto. La famosa sinologa italiana, già docente di lingua cinese presso la Facoltà di Lingue Orientali dell'Università di Torino e Direttrice del locale Istituto Confucio, ha assunto da 3 anni fa la Direttrice dell'Istituto italiano di Cultura di Beijing. Recentemente abbiamo l'onore di realizzare quest'intervista e conoscere la sua storia con la Cina.

Cinitalia: La prima volta che è venuta a studiare in Cina è stato nel 1981, dopo è ritornata più volte per svolgere ricerche sulla Cina e lavorare come insegnante. Come mai scelse il cinese?

Stafutti: Quand'ero molto piccola, alle scuole medie, non so perché ma avevo un interesse per la Cina, pensavo che la Cina fosse culturalmente affascinante, e un amico di mio padre allora mi regalò un libro di pittura tradizionale cinese, e mi ricordo che i paesaggi mi affascinavano moltissimo. Avevo quindi quest'interesse fin da piccola. Poi al liceo, ho ripensato alla Cina perché negli anni '70, nonostante si sapesse poco di questo Paese in Italia, si sapevano alcune cose della vita politica della Cina e se ne parlava, talora in maniera giusta talora in maniera sbagliata, ed avrei quindi voluto capire questo Paese più a fondo.

Cinitalia: Quali sono le difficoltà che ha riscontrato nello studio della lingua e cultura cinese? Negli ultimi anni l'Italia ha fatto dei progressi nell'insegnamento della lingua cinese ma, quali aspetti sono ancora da migliorare, secondo Lei?

Stafutti: Le difficoltà che ho incontrato è che all'epoca c'era pochissimo materiale didattico e, anche se eravamo alla fine degli anni '70, era un materiale didattico che risentiva della rivoluzione culturale, e aveva un orientamento politico forte, quindi certamente pur se interessante poco utile per la vita quotidiana, e anche i dizionari erano pochi, erano in inglese e i primi arrivarono tardi. Adesso è migliorato molto l'insegnamento della lingua cinese in Italia, devo dire che ci sono moltissimi strumenti didattici anche fatti in collaborazione tra professori italiani e cinesi. C'è un buon insegnamento della lingua cinese in Italia, sicuramente si può anche fare meglio, ma c'è un pericolo, è vero che il cinese parlato è molto usato, ma non è migliorata la capacità di leggere e di tradurre, c'è un orientamento sulla capacità comunicativa che certamente è molto importante ma che non basta, essa è un aspetto ma bisogna conoscere bene la struttura della lingua in quanto questa è l'espressione di una cultura.

Cinitalia: Da studiosa a funzionario, il suo lavoro ha incontrato grossi cambiamenti, come ha affrontato queste sfide?

Stafutti: Quando facevo il professore universitario in parte facevo anche un lavoro di tipo amministrativo, quindi per fortuna non è stato completamente nuovo. Certo, poi è cambiato molto perché l'amministrazione del ministero degli Esteri è diversa da quella dell'Università. La cosa molto interessante di questo lavoro è che il mio lavoro in origine era cercare di portare agli italiani la cultura cinese, in qualche modo fare da ponte tra la cultura cinese e italiana, mentre adesso faccio l'opposto, cioè portare ai cinesi la cultura italiana. Naturalmente sono italiana quindi èpiù facile portare la propria cultura, ma devo dire che avere studiato cinese è molto utile perché penso che permetta di capire quale sia il modo più efficace per presentare la propria cultura, in quanto anch'io quando ero in Cina ero una straniera giunta in questo Paese per cercare di capire la sua cultura. Prima insegnavo cinese come mestiere è che adesso capisco molto e ho profondissimo rispetto per tutti coloro che cercano di fare da ponte insegnando la lingua italiana, cercando di portare la cultura italiana, perché capisco quanto ciò sia difficile e faticoso, in quanto ci richiede di cambiare anche quasi ogni giorno idea, di pari passo con l'ampliamento della nostra conoscenza.

Cinitalia: In questi tre anni come Direttrice dell'Istituto italiano di cultura, quale evento l'ha maggiormente colpita?

Stafutti: Degli eventi che abbiamo fatto, ci sono i grandi eventi, come la mostra sul Rinascimento, la mostra sul Barocco, sulla Venezia del '700. Infatti non basta più un grande evento: questo attrae il grande pubblico, ma tutti i piccoli eventi quotidiani fanno da concerto, dalla piccola mostra di fotografia, alla presentazione di un libro piuttosto che quella di un film, o eventi organizzati per bambini, costituendo il tessuto lungo cui si semina un interesse più costante per la cultura italiana. Penso che sia molto importante avere come obiettivo fare da ponte tra le due culture, facendo delle co-produzioni come abbiamo fatto nel mondo dell'opera.

Cinitalia: Come Lei ha detto: "Lavorare in Cina è come tornare a casa", quali elementi della cultura cinese Le sono entrati nel cuore? Cosa L'affascina di più della Cina?

Stafutti: Qualche volta la mattina quando esco per andare al lavoro, in questa che è una zona di grande traffico, attraverso la strada e nel giardino esterno della casa in fronte alla mia ci sono ancora le persone di una certa età che fanno taijiquan: questo a me proprio mi commuove, mi fa tornare indietro nel tempo, mi da questo senso di continuità. Vi sono delle cose di questo Paese che io amo molto, anche perché è un Paese di grandi contrasti, cioè la Cina ha dei lati estremamente moderni ma anche un cuore antico. Quando ho tempo di lasciare Pechino e di andare nei posti meno caotici delle grandi città, questo cuore antico del paese si sente di più; non significa andare in posti meno sviluppati, ma andare in posti dove la pressione della vita contemporanea è un po' meno forte: lì allora trovo una Cina che mi è rimasta nel cuore. Ma c'è anche a Pechino, quando uno gira l'angolo e trova in un hutong delle persone sedute davanti alla porta che chiacchierano, e questa è una cosa bellissimadi vita vera, di profonda umanità che io amo molto.

1 2
Focus
Social Media

Riviste
Eventi
© China Radio International.CRI. All Rights Reserved.
16A Shijingshan Road, Beijing, China. 100040
旺旺时时彩计划软件 时时彩官网上鼎狐网 体彩时时彩十一选五 网易彩票黑龙江时时彩 内蒙古十一选任五遗漏 时时彩qq群号
360时时彩怎么样 360时时彩怎么样 360时时彩怎么样 360时时彩怎么样 360时时彩怎么样 360时时彩怎么样
网上玩时时彩输钱 时时彩两码合断组工具 老时时彩360彩票 网上买时时彩骗局 新疆时时彩票五星号码 彩红时时彩计划软件手机版式
时时彩概率分析软件 大学生购时时彩赚15万 时时彩宝宝计划软件 吉林时时彩投注技巧 重重时时彩走势图 重庆时时彩qq群